martedì 22 settembre 2009

Cani di taglia piccola: il Beagle


Ritorniamo a parlare di cani piccoli con una razza straniera.

Il Beagle è un segugio utilizzato originariamente in Inghilterra per la caccia alla lepre “ a piedi “, esclusivamente in mute di 8-15 coppie ( secondo l’ ortodossia britannica ). Ma in altri Paesi viene scelto anche per la caccia al coniglio e comunque, anche in Inghilterra, il Beagle viene selezionato sia per la caccia che per la compagnia.

Importato in Francia nel 1860, divenne pian piano uno dei cani più utilizzati per la caccia alla piccola selvaggina, più che in Inghilterra, dove si cominciò a selezionare il Beagle-Harrier, più veloce e adatto alla caccia a cavallo.

Sono comunque ancora attuali le parole che scrisse, intorno al 1950, il presidente del Club Francais du Beagle: “ Il Beagle piace alla maggior parte dei cacciatori per la sua piccola taglia, per il suo forte temperamento, per la sua attività e la sua velocità. Esistono bensì altre razze piccole che hanno i loro ammiratori, per esempio i Bassets. […] il Basset è un cane che fa la gioia di quelli che desiderano un andamento lento, posato e rumoroso. […] il Beagle invece è piccolo, ma proporzionato, assai equilibrato, molto armonioso […] e molto veloce per la sua taglia. In Francia i primi Beagle furono acquistati dal Conte de Beauregard e dai fratelli De Chabot e da questi soggetti derivano tutti i Beagle presenti oggi in Europa “.

Come già detto, questa razza è comunque di origine inglese.
E’ una razza molto antica, perché già nel III secolo d. C. viene citata dal bardo gaelico Ossian.
Fu poi una razza molto apprezzata dalla regina Elisabetta I, che oltre a possederne una muta numerosa, ne creò una varietà detta “ Beagle Elizabeth “ o “ Pocket Beagle “ (= da tasca o nano ) o “ Glove Beagle “ (= guanto; piccolo come un guanto ).
Ai giorni nostri il Beagle è diventato a tutti gli effetti un cane da compagnia, sia per le sue dimensioni, che per il suo carattere allegro e gentile.

Standard di razza.

E’ un piccolo cane, molto grazioso, tanto lungo che alto, solido, ben costruito e molto compatto, vivace e mobilissimo.
La testa è forte, ma non grossolana,con cranio largo e arrotondato, ma piatto superiormente.
Il tartufo è nero con narici ben aperte.
La canna nasale è diritta e non deve essere né stretta, né appuntita.
Le orecchie sono larghe e piatte, ma non fini e sono arrotondate all’ estremità; non devono essere più lunghe del muso.
Gli occhi sono grandi, rotondi e vivaci e non devono essere troppo ravvicinati.
Il collo è possente e le spalle sono forti e muscolose; il torace è largo e profondo, il dorso piatto e muscoloso.
Gli arti sono molto forti, muscolosi e conferiscono l’ aspetto di un piccolo cane possente.
La coda, attaccata alta, è piuttosto corta, grossa, ma fine all’ estremità.
Il mantello può essere bicolore o tricolore.
Il pelo è molto denso, né troppo corto né troppo fine.
L’ altezza al garrese va da 33 a 41 cm., il peso varia tra i 13 e i 17 kg.

Per concludere questa piccola dissertazione possiamo ricordare che questo cane è tanto simpatico che anche il grande Charles Schulz lo ha preso in prestito per creare il personaggio di Snoopy, memorabile cane di Charlie Brown.
Ultima curiosità : Beagle era anche il nome del brigantino su cui si imbarcò Charles Darwin per il suo viaggio di studi intorno al mondo, che si concluse con la stesura de " L' Origine delle specie ".

Stampa questo post

2 commenti:

stella ha detto...

Bentornato Martin!
Quanto imparo da te, grazie!

Antonella ha detto...

Ciao Martin, grazie di essere passato su Amicidichicca e di aver lasciato il commento...Ebbene...ritira il premio mongolfiera se ti fa piaceree voliamo tutti insieme! Che bellini i tuoi amici animali e quante cose ci sono da imparare! Sei bravissimo! Saluti affettuosi.

 
© free template